Sabato 21 Settembre 2019
Mostra articoli per etichetta: PSR

La Regione Piemonte ha emanato una circolare per informare che le disposizioni applicative dell’operazione 10.1.1 e della misura 11 prevedono che le irroratrici utilizzate per la distribuzione dei fitofarmaci siano sottoposte, oltre che al controllo funzionale obbligatorio, a regolazione volontaria (taratura) entro i termini stabiliti per il controllo funzionale in attuazione del PAN, e comunque entro il 15 marzo del quinto anno di impegno. Il controllo funzionale obbligatorio e la regolazione volontaria delle irroratrici, pertanto, devono essere effettuate entro la scadenza valida in attuazione del PAN per il controllo obbligatorio, tranne che nel caso in cui la scadenza in questione cada nel quinto anno di impegno successivamente al 15 marzo. In questo caso la scadenza viene anticipata al 15 marzo ai fini delle misure 10.1.1 e 11 del PSR, sia per il controllo funzionale, sia per la regolazione volontaria. A causa del verificarsi di condizioni meteorologiche che hanno ostacolato le attività dei Centri di controllo – informa la Regione -  alcune organizzazioni agricole hanno chiesto di prorogare la scadenza del 15/3/2019. Acquisito il parere favorevole del Settore Fitosanitario e servizi tecnico scientifici in merito alle motivazioni addotte a sostegno della richiesta e considerato che il termine in questione riguarda irroratrici che hanno un controllo funzionale ancora in corso di validità, la Regione informa che per le domande avviate nel 2015 la scadenza del 15/3/2019 viene differita al 15/5/2019 e si applica alle irroratrici il cui periodo di validità dell’ultimo controllo funzionale scade nel quinto anno di impegno (2019) successivamente al 15/5/2019.

Published in News
Martedì 23 Gennaio 2018 08:39

PSR – MISURA 16 – AGRICOLTURA SOCIALE

La Regione Piemonte ha approvato con determina dirigenziale il bando 1/2018 relativo all’Operazione 16.9.1 (Progetti di agricoltura sociale) del PSR 2014-2020. L’intervento è finalizzato a sostenere progetti di cooperazione tra almeno due soggetti per la realizzazione di iniziative di agricoltura sociale. Questo primo bando, a carattere sperimentale, mette a disposizione un plafond di 900 mila euro (su 1,5 milioni di euro disponibili), suddiviso tra due azioni delle quattro previste dall’operazione.

La prima azione (60% della disponibilità finanziaria) riguarda progetti per implementare attività sociali e di servizio per le comunità locali che ne sono sprovviste, mentre la seconda azione (restante 40% delle risorse) sostiene progetti che supportano terapie psicologiche e riabilitative (come ad esempio ippoterapia e coltivazione di piante).

L’agevolazione prevista è erogata in conto capitale (massimo 120 mila euro) ed è il 50% della spesa ammissibile. I beneficiari sono gruppi di cooperazione costituiti da almeno un’azienda agricola e un ente gestore dei servizi socio-assistenziali. Al gruppo si possono comunque aggiungere altri soggetti quali cooperative sociali, associazioni di promozione sociale, fondazioni e organizzazioni di volontariato impegnate nei servizi sociali, etc..

La domanda dovrà essere presentata dal soggetto che assume il ruolo di capofila.

Le domande di sostegno possono essere presentate entro il 30 aprile 2018.

Per informazioni rivolgersi all’Ufficio Tecnico di Confagricoltura.

Published in News