Domenica 24 Marzo 2019

AGRICOLTURA: IL PIEMONTE PERDE ALTRE 1500 AZIENDE IN UN ANNO

  1. Tra le mille imprese italiane al giorno che hanno chiuso lo scorso anno ci sono anche
    quelle agricole: in tutta la Penisola se ne contano 16.791, corrispondenti al 2% in
    meno rispetto al 2011, in un settore che rappresenta il 14,6% del mondo
    imprenditoriale italiano con le sue 818.283 aziende.
    Lo confermano i dati definitivi relativi alla nati-mortalità delle imprese nel
    2012, resi noti da Unioncamere e riferiti alle realtà regolarmente iscritte alle
    Camere di commercio.

    Anche il Piemonte agricolo fa, purtroppo, la sua parte, perdendo 1.465 aziende in un
    anno (- 2,42%). Analizzando i dati dal 2010, le imprese del settore primario che hanno
    cessato l'attività sono 2.879 (- 4,79%).


    PIEMONTE     TOTALE
                       AZIENDE AGRICOLE       NUOVE ISCRITTE      CESSATE        SALDO


    ANNO 2012    60.074                         1.562                     3.018           -  1.456


    ANNO 2011    61.319                         1.433                     3.201           -  1.768


    ANNO 2010    62.953                         1.727                     3.450           -  1.723

    Fonte: InfoCamere

    Analizzando i dati provinciali 2012, Verbania ha il saldo di mortalità di imprese
    agricole più alto, in un panorama in negativo, ad eccezione di Biella.


    PROVINCIA       AZIENDE              NUOVE
  2.                       REGISTRATE         ISCRITTE         CESSATE          SALDO             %SALDO


    ALESSANDRIA          9.864            226               576                 - 350                -3,54

    ASTI                      7.465            189               450                  - 261               -3,49
     
    BIELLA                   1.576             65                44                    +  21              +1,33

    CUNEO                   22.185           547              1.049                - 502               -2,26

    NOVARA                 2.271             77                108                   - 31                -1,36

    TORINO                 13.460          380               604                   - 224               -1,66

    VCO                       726              20                 58                     - 38                -5,23
     
    VERCELLI                2.527            58                129                    - 71               -2,80
    Fonte: InfoCamere

    "Si tratta di un andamento costante da diversi anni,- spiega il presidente di
    Confagricoltura Torino Paolo Dentis - acuito dalla crisi economica generale. Le
    recenti misure fiscali, fortemente penalizzanti per il mondo agricolo, hanno dato
    un'ulteriore accelerata a un processo che ha visto il Piemonte perdere 15.000
    aziende del settore primario in dieci anni".
    Parallela alla diminuzione del numero di imprese c'è tuttavia da segnalare
    l'aumento della dimensione aziendale, che permette maggiore competitività al
    comparto, ancora fortemente frammentato.

    Analizzando poi la forma giuridica delle realtà agricole, si nota come siano in calo
    le imprese individuali, che comunque rappresentano la quasi totalità del comparto,
    e in aumento le società di capitali (s.p.a. e s.r.l.) e quelle di persone (s.n.c.,
    s.s., s.a.s.).

    FORMA GIURIDICA
    PIEMONTE                         ANNO 2012          ANNO 2011         % SALDO


     IMPRESE INDIVIDUALI            54.520                55.835               -2,4

    SOCIETA' DI CAPITALE                 493                    464               +5,8

     SOCIETA' DI PERSONE              4.557                  4.491              +1,4

                ALTRE FORME                 504                     499               +0,9



    "Le imprese individuali rimangono ancora lo zoccolo duro dell'agricoltura
    piemontese - conclude il direttore Ercole Zuccaro - rappresentando oltre il 90% del
    panorama rurale subalpino. Serve un salto di qualità, peraltro già avviato da quelle
    aziende che nel corso degli anni hanno investito in innovazione e competitività,
    doti che hanno permesso alle stesse di essere maggiormente incisive sui mercati
    nazionali e internazionali".