Domenica 24 Marzo 2019

LATTE: DOPO LA LOMBARDIA ACCORDO ANCHE IN PIEMONTE?

 

L’accordo regionale sul prezzo del latte alla stalla, raggiunto ieri in Lombardia tra parte agricola e industriale, è visto con fiducia anche dagli allevatori piemontesi, i quali si augurano che questo possa essere un passo avanti verso un’intesa anche nella nostra regione.

Nel territorio subalpino la campagna si è infatti chiusa il 31 marzo scorso senza un rinnovo, a causa dell’indisponibilità dell’industria a trattare sulla base del prezzo indicizzato. Secondo gli agricoltori, invece, la trattativa deve svilupparsi proprio sui parametri dell’indicizzato storico, “che – evidenzia il vicepresidente di Confagricoltura Torino Tommaso Visca – resta un punto di riferimento equo, affidabile, rispettoso delle attese dei produttori e in linea con l’andamento dei mercati. Ora – continua Visca – ci sono le condizioni produttive e commerciali per raggiungere l’intesa”.

“Attualmente in Piemonte il latte viene pagato intorno ai 36 centesimi al litro, - precisa il presidente della Sezione regionale Latte di Confagricoltura Pierangelo Cumino - quotazione che non permette agli allevatori di far fronte alla crescita dei costi produttivi dovuti all’aumento del foraggio (cereali e soia in particolare) e dell’energia”.

Confagricoltura Torino invita tutti i produttori che non hanno il latte sotto contratto ad aderire alle cooperative di allevatori presenti sul territorio al fine di rafforzare il loro potere contrattuale per trattare meglio il prodotto con la parte industriale.