Graspi e vinacce:è possibile utilizzarli come fertilizzante

 

Via libera dalla Conferenza Stato-Regioni, nella seduta del 29 luglio, alla modifica al decreto ministeriale che consentirà, dalla prossima vendemmia, di ampliare il riciclo e il riutilizzo dei sottoprodotti della vinificazione (fecce e vinacce), in alternativa alla distillazione. La Regione Piemonte ha operato fattivamente per la predisposizione del nuovo testo, che trae spunto dalle esperienze maturate durante la scorsa vendemmia. In tal senso, va ricordato che nel 2009 il Piemonte è stata la prima Regione ad elaborare un progetto operativo organico per l’utilizzo degli scarti della vinificazione ad usi agronomici come ammendanti e a produzioni di energia da fonti rinnovabili. Confagricoltura ricorda come le vinacce già trovino utilizzo in campo farmaceutico e cosmetico e ancor più lo possano avere in futuro grazie alla modifica apportata al decreto ministeriale. Esse infatti possiedono numerose qualità terapeutiche, in quanto contengono tannini antociani (rimedio per problemi circolatori e di fragilità capillare), flavonoidi (che hanno un’azione disinfiltrante sui tessuti), tannini condensati (per la regolazione della formazione delle fibre di collagene), mucillaggini (per la regolazione del tratto intestinale, effetto lassativo e limitazione dell’assorbimento degli alimenti). Ma possono trovare impiego, per le loro peculiarità, anche in campo cosmetico. Le vinacce si rivelano componente fondamentale di oli, maschere, creme di bellezza, che depurano, idratano, levigano, tonificano il viso e il corpo e contrastano l’invecchiamento della pelle. Oltre agli usi farmaceutici e cosmetici, sarà ammesso l’impiego delle vinacce e delle fecce anche per l’uso agronomico diretto, mediante la distribuzione nei terreni agricoli, nel limite di 3 mila kg/ha, e per l’uso agronomico indiretto, con la preparazione di fertilizzanti. Saranno utilizzabili anche in campo energetico quale biomassa, per la produzione di biogas e per alimentare impianti per la produzione di energia.

 

back to top